Sara si buca

Di pensieri

Le tasche.

Si scusa
Per ieri, muove la testa.

Dice di vedere il ceruleo sospiro
da un balcone non suo, ma del vicino nemico.
Sporge uno sguardo

Non bada ai dolori

Di chi avvicina, senza pretese

Accetta le mani, i pianti

Di spogli campi le rese.

 

Casa h 17:54, ci sono 16° e 6

Read full article

La testa è racchiusa tra tentacoli di troppe paranoie che portano a paralisi mentali.

Mi chiedo se la soluzione vista oltre l’orizzonte degli eventi riesca a raggiungerla, nonostante la mia condizione difettosa.

Questa condizione mi spinge a chiederti come stai ogni volta che le mie mani smettono di tremare tra di loro.

È lunico modo per tenere a bada il mio cuore capriccioso che non vuole lasciarti andare.

Ti chiedo scusa, è la mia natura.

Preludio tecNOlogico

Read full article

La comodità ci ammazzerà tutti.

Lenta e inosservata.

Sarà come affogare nella palude della formalità,

nel pallore della Noia normalizzata,

dissacrata.

Smetterete di correre dal vostro agente finanziario

Smetterete di sciogliervi nelle file delle vostre sacre banche

Smetterete di sbavare alle pubblicità di elettrodomestici che mai userete

Smetterete di farvi atrofizzare dalle grida dei ”benefattori dell’Umanità”

Smetterete.

Perchè vi accorgerete di essere già morti,

di esservi tolti anche il gusto dell’amorevole suicidio.

La comodità vi ammazzerà tutti.

Non troverà più uomini,

ma solo scatole di latta di tonno scaduto.

Io sarò già passata al bosco.

 

Read full article

CC