Un inspiegato silenzio, otto marzo

Nell’attimo in cui mi dissero morte, regnava distante quella parola,

che scuote le menti trovando la fine in un gelido pianto mattutino.

Le carni che un tempo nascevano e che tempo ancora avevano di maturare,

si sciolgono ora come sale a mare.