E così – tra un tiro e l’altro -
di una corda fatta di spine,
hai ricordato il tuo egregio nome:
portalo sulla testa come una corona -
sei ancora debole per metterlo via.