L’occhio del ciclone

In un continuo turbinio di mali

Che mi chiamano a sé

Sei ciò che districa la tempesta

 

Tu del ciclone sei l’occhio

Circondata da ciò che mi distrugge

Sei il centro

Che richiama la calma