Dedicata ad Alice

Il mondo è fantasia

ed io sono cenere che arde

ed incandescente scalda.

E tu cosa sei?

Sei le mani che mi coprono

e si scaldano per me?

O sei il piede che, maldestro,

calpesta il mio calore?

Ti brucio, ti scaldo,

ti maledico e ti porto con me,

in questo assurdo mondo che

è la fantasia.