Dedicata alla Madonna.

Questo è l’odio che ti vorrei dedicare.
Quest’altro è l’amore che vorrei non provare.
[Dissi io, indicando il mondo]

Senzadio è un termine forte.
Sono anni che giro in tondo,
possibile non si aprano queste porte?
Stringo ed agito il pomello
cercando, disperato, un ingresso.
È inutile, non è così che funziona
[Dice lei, dall'altro capo del legno]
comportati da poeta,
Usa l’ingegno!
Non accontentarti di ogni persona.
E così continuo, sbatacchiando
porte e pomelli,
ricordando con rimpianto
quei pomeriggi, quanto erano belli.

Sembro stanco di tentare.
È forse arrivato
il momento di abbandonare.
Mi metto seduto
a gambe incrociate
ed inizio ad osservare:
le porte
che prima sembravano identiche
stanno cominciando a cambiare.