Tua.

Né di gesta, o parole fui complice,
Ma d’uno sguardo,
Come un cielo stellato, nella notte scura,
Brillando mi porgeva saluto.
E d’un sorriso, lieve come un’alba invoca il giorno, sul tuo viso,
Invocava amore.