Vladimir Nabokov

Alla mia toska darò un nome

così avrò un’entità reale, a prendermi per mano e per cuore

 

a contorcermi le viscere.