Una falena
Nera
Su una bianca betulla

Schiacciata da una mano
Prima di potersi
Riprodurre

Una falena bianca
Su una bianca betulla
Anzi, due, in futuro forse tre
Chiamano “danza” questo eccidio

Vorrei farti quello che la fine dell’inverno fa ai fiori
Renderti schiava dell’arbitrio famelico delle api,
Farti recidere da un romantico,
Esser regalata alla sua bella,
In agonia sul comodino a guardarli chiavare

Non versasti una lacrima
Per me, sulla bianca betulla.