Vitelli

 

Sempre il cielo rimane attonito

tra le tue labbra arse.

 

Ed io colgo la tua morte

china e ferma

tra dita di sabbia

 

Non vorrei ridere

 

Non vorrei gemere

 

Ma ora siamo vitelli

chiusi in gabbie di sangue.

 

 

A.27