Veglia

ho sceso le tue scale troppe volte

ma vidi ieri l’insetto lucente,

combatteva trepido e fremente

la sera.

Il bagliore suo vorrei, solo un attimo,

per poter dirti me.