Il tempo oggi sembra diverso
da quando
-sembra così lontano-
nascosti dal mondo
in un posto diverso
in un posto solo nostro
-forse ricordi-
piangevo tutto quello
che non dicevo
-dove saranno poi quelle lacrime
e quelle parole che non ho detto-
quando rintanato nell’angolo
di quel posto
nascosto al tempo
e al mondo
le urla degli altri ci chiamavano
ma io rispondevo solo a te
e da allora fui
sempre ogni giorno
più salvo
sempre più vivo
nel calore che non mi hai mai dato
che pure io sentivo
in quella notte piena di squarci
di ferite che ci infliggevamo
mentre ricucivi il mio spirito lacero
in quel tempo bizzarro
quelle poche ore in cui
eravamo così vivi
insieme