Luci al neon e sesso

Luci al neon e sesso,

scaldiamoci da queste nostre labbra,

dal tuo seno bianco, dalla mia ispida barba, bruna,

da questa luce al neon che ci abbaglia, acceca,

nel nostro primo amore, freddo,

amiamoci sotto questa luce da manicomio.

Scendiamo all’inferno,

Satana prendici con te,

giacché il paradiso ripudia il nostro amore tormentato, malato,

fatto di pugnalate alla schiena, sangue, vino rosso,

lanciamoci dalla finestra, aggrappandoci con il lenzuolo sporco alla luna,

facciamola arrivare in mezzo a questo marciume,

lei così bella e limpida e lontana e solenne.