Cont[r]a[s]tto

Non so se hai mai scorto
con tatto delicato
lo spessore sottile
del mio chiaro vetro di anima

affilarsi come lama
tra i denti di parole scure
delle braccia di spine di chi non mi ama