(Per)muta

Strazio dolorante
qui
e ti indico il cuore del torace

palpebre senza orbite,
mi guardi
senza capire

Remoti cambiamenti
che non so chiamare

Pago la tristezza
d’esser muta
che muta,
e muta
me ne vado