A.118

 



Mi sono perso, ed Itaca,

è lontana

e l’unica ancora di salvezza,

sono questi fogli



Perso nell’oblio più

oscuro e silenzioso

camminando senza meta,

in cerca di risposte

Rispetto verso se stessi



Abbi cura

della tua stessa

felicità.

Normalità



La normalità

è pura e

semplice

follia.

Scrittura cicatrene



Flebo di inchiostro

e fogli.

Questa è la cura

per le ferite dell’anima.

Quarta Dimensione



La poesia è

la quarta dimensione.

Quella dell’anima perché

quando scrivo, è lei

che parla, ed io come un alunno,

ascolto e apprendo.

 

Pile di fogli



Bottiglie vuote

e sigari accesi.

Questa casa è piena di fogli

che raccontano  di noi.

 

Grazie



Non troverò mai il modo

di poter ringraziare questi fogli bianchi.

Mi hanno salvato la vita.



Mi fai venir voglia di scrivere.

Prigione di carta



La notte, invece di dormire,

faccio flebo d’inchiostro e fogli.

L’unico metodo che conosco

per lottare contro i demoni.

 

L’importante sei tu



Prendimi le mani,

portami in ogni stazione o aeroporto.

Perché non importa dove.

L’importante è che ci sei tu.