A.178

 

Neve



Mentre guardavi,

come un bambino,

lo spettacolo alla finestra,

tutte le parole che volevo,

non volevo

dirti,

mi si sono gelate in bocca.

 



Guardarti

non guardarmi.

Mi chiedo,

talvolta

capita anche a te?



Un ladro di sguardi.

Mi hai riempito gli occhi

di sole.

Adesso,

hai lasciato solo nebbia.

Mi hai rubato lo sguardo.



E mentre tu,

leggera,

erri fra le labbra di un altro,

io piango ciò che per te è stato

che per me,

sarebbe potuto essere.

 

 

Malinconia



L’urlo inaudibile

del cuore

echeggia, risuona

sconvolge le memorie

mi riporta ad attimi,

sguardi,

emozioni,

piene di te.

È impossibile



La forza

che mi è stata richiesta

per dirti di andare,

La forza,

gli occhi pieni di lacrime,

di guardarti

impassibile.

Impossibile.