A.222

 



C’è un amore che mi brucia nelle vene
Tu lo sai
Che la carne è lacerata
E il cuore batte forte
Siamo stati indecenti
Furiosi
A tratti violenti
Complici del male che ci siamo fatti
E tu lo sai
Solo quando ci laceriamo la carne
Siamo completi
E non smetteremo mai
Eroi finiti male
Deboli uomini amanti
Eterni noi due come gli Dei

Voglie



Una mattina mi svegliai prima di te,
nei tuoi occhi chiusi si vedeva ancora un po’ di trucco tenace
ma eri bellissima comunque.
Avevi tutte quelle voglie
non quelle che ti vengono a letto
quando siamo soli,
anche se non mi dispiacciono,
intendevo quelle che hai sul viso.
Ne avevi così tante sul tuo bel viso,
mi piacevano così tanto che mi misi a baciartele
una ad una
anche se ti svegliavo
e tu ridevi e ti arrabbiavi
ridevi e mi baciavi e mi graffiavi
e quanto mi mancano adesso le voglie,
i baci tuoi
e pure i graffi tuoi sai?