A.63

 

Con(tatto)



 
E cosa accadde
quando soffocasti la brace
del tuo bisogno di vedermi?
Quando occultasti la
voglia,                                                                                                                                    [non più pressante?]
di stringere tra le dita ruvide
le gote
che per te s’accesero?
Quando la tesa attitudine
d’ardore, di senso di me
di piena luce
spianati destini
invertì la curiosa
cantilena, votò al muto gelo
il navigato sentimento che ci fece nostri?

Quando perdesti contatto
con il bisogno
di voler volerti?
Vedevo la pienezza del nostro senso arrancare
calpestare avare terre
avidi volti donarono
il tuo sguardo
tentanti,
assetati occhi
tentarono di sciogliere
il tuo nodo in me,
vetusti sudori nei nostri palmi soli
sverdirono dove solitudine ci colse.
Dove
meno venne la pressione.