C.32

 

Cara Madre Terra



Con l’arrivo dell’estate il tuo vestito moro

si arricchisce sempre con piccoli ed alti gioielli d’oro.

 

Le tue curve dorate

invitano i viandanti coraggiosi ad essere attraversate.

 

Nel blu dei tuoi occhi vorrei continuare ad osservare tramonti

forse per poterne poi scrivere nei miei racconti.

 

Il tramonto lascerà spazio alla notte, così come il mio cuore verrà avvolto da mille tormenti,

l’alba abbraccerà te e le mie speranze, e la mia mente si piegherà ai nuovi mutamenti.