C.82

 

!



Meglio per caso che per niente

Ricordi di te



Ti guardo negli occhi
e non è più lo stesso
mi dici come può essere tutto diverso?
un giorno ti svegli con il fiato corto
e non capisci cosa è andato storto
anni passati a dimenticare problemi difficili da risolvere e a guardare speranze che hanno fatto la polvere.
Se penso a ciò che è stato, non mi rassegnerò mai a sperare che un giorno tu tornerai.

Il muro



Odio et amo Così è sempre stato. Se mi ami, ti amo e se mi odi, ti odio. Ma la differenza in tutto questo è che, anche quando la speranza è sul filo del rasoio, non l’abbandono e per questo mi sono accorta che ti amo anche quando ti odio. Sono giunta a pregarti in ginocchio di tornare perché io so fare questo : amare; amare è niente, quando il muro d’altra parte è alto e di cemento? Se è così, mi rimmanrà solo il rimpianto, di come poteva essere con te e di come sarei stata io con te…. felice.

Finalmente casa



Lui si perse e non fu riconoscibile,
diventando sempre più bestia;
il suo oscuro pensiero diventó irresistibile,
che tramutó la sua anima pia.

Lei soffrí per colpa della creatura,
ma affrontó tutto questo per sperare.
Grazie a ció cambió la sua natura,
e così egli tornó ad amare.

Vuoto a perdere



Sei stato per me la mia ancora di salvezza, la mia forza ed allegria anche quando fissavo il vuoto su una panchina.
Mi hai asciugato le lacrime mentre gridavo dentro di me.
Adesso che grido per te, tu non ci sei.
Non sei più lo stesso, sei diverso, e mi chiedo come faccia questo a cambiare tutto il mio universo.
Mi hai regalato il mondo e me l’hai tolto e questo non te lo perdonerò mai.