D.30

 

Ricordati di non dimenticare



Gelide notti di caldi abbracci,

i raggi del sole che seguivano i nostri passi.

Massi dentro al cuore, levigati da dolci parole.

Quello stupido fare accidentale,

Lo stesso che ci faceva stare male.

Scommetto ricordi pure quelle notti, sulla spiaggia umida, al mare.

Non compongo l’ennesima poesia sull’amore perduto,

troppo banale.

Scrivo questo solo come promemoria:

ti prego,  ricordati di non dimenticare.

Giro di note



Giro di notte, faccia contusa
piena di botte, ma guardo la luna
stasera è grande forse mi invoglia,
la notte ti spoglia

trascina forte la voglia che ho
di dipingerti a parole.
Scrivo il tuo nome con l’evidenziatore
altro che luna sei più bella del sole,

eravamo solo anime sole
in cerca di calore,
ti pare faccio una canzone
per ricordare quel tepore.

Faccio a botte con le ore
ad ogni battito di cuore,
sento il fiatone
dici che d’amore non si muore

Ma quello che ti smuove ci prova
ho avuto un brutto quarto d’ora
e riportarlo sul quarto
é ricordare cosa mi addolora, nodo alla gola.

Fanculo l’ora et labora
saltavo allenamento e scuola
verso casa tua tacco suola
di rivederti non vedevo l’ora.

Ora stò sopra sto giro di note,
giro di notte tra le strade vuote che
descrivo figure ignote
con figure retoriche.

Coliche di sentimenti scritte in Prosa
se vedo l’amore come una rosa
questo limbo infernale mi sposa,
sono Virgilio ma fatto di Prozac.

Suona una fisarmonica



Per le strade buie

della città, svuotate

dalla tarda ora.

 

Nella fredda notte di Ottobre.

Tra i venti autunnali

che, avanti ed indietro, corrono per le vie.

 

Suona una fisarmonica,

un motivetto,

che il vento in lontanza trasporta

ad un paio di orecchie gelate.

 

Sono il solo sveglio, in tutta la città.

Le mani sporche di vernice.

In questa fredda notte,

una fisarmonica

suona solo

per me.

 

 

L’amore è n’gioco



E vince sempre,

chi?

Chi cià er core

più freddo.

 

 

Scatole de ricordi



Scatole de cartone

che e’ mani han chiuso da tempo.

Scatole de ricordi,

a’ polvere e’ sta avvolgendo.

 

Scatole da trasloco

da maneggiare con cura.

Scatole de ricodi,

che nun apri pe’ paura.

 

Scatole leggere

de polistirolo piene

e scatole pesanti,

la memoria e’ teme.

 

Te ricordi

cosa là dentro stai seppellendo?

 

E de quando nun erano solo ricordi,

ma li stavi vivendo?

 

 

Febbrone de mezza estate



Penso alla notte c’ ho passato,

a casa manco so’ tornato.

 

Non dormo da n’giorno intero,

tutto er sonno m’ hai levato.

 

E, ner mentre penso, a tutti

i baci che stasera t’ho rubbato

 

misuro a’ temperatura ar core,

so’ tutto caldo e sudato.

 

Cio’ n’ febbrone da cavallo,

è che risò n’ pò malato.

 

Conosco stà strana sensazione,

me so’ de novo innamorato?

 

 

 

Fra e’ nuvole



Fabbricammo ‘nsieme

ali de sogni e cera,

pe’ volà ner cielo

fra e’ nuvole.

 

Fin ‘a quer giorno tragico

che spezzo l’equilibrio de quer

mi realismo magico.

 

Ali recise, tagliate de netto,

da ‘e stesse mani che

prima me stringevo ar petto.

Precipitai lungo tempo,

non so dì quanto, lo ammetto.

 

Fra e’ nuvole

se sta’ ‘n sacco bene.

Il problema è che prima

o poi,

 

se cade.

Subbuglio



De n’ tumulto di pensieri

en subbuglio scrivo,

nun seguo più

alcuna strada.

 

Traccio co’ a penna nuovi sentieri

pe’ sentimme vivo,

in questa notte

insonne e’ ngrata.