D.126

 



C’era il sole e correvo

sulle morbide onde

del tuo corpo.

E bevevo gioia

come mi abbevero dalla fonte,

sicuro e felice

come dentro casa;

assaporavo ogni centimetro

della tua anima.

Ho tanto tempo da perdere



Ho tanto tempo da perdere

da quando sei andata via.

Riempio le mie giornate

ascoltando persone

di cui non voglio sapere i problemi.

Mi bastano i miei,

solo te mi aiuteresti.

Ho tanto tempo da perdere

da quando sei andata via.

Riempio le mie giornate

guardando le nostre foto.

Le ho ancora appese

e non ho voglia di staccarle.

Ma te non lo devi sapere.

Specchio



Piano, mi fai paura, 

non guardarmi così.

Ti piace farlo;

rovistare nelle mie paure,

far vacillare ogni mia sicurezza.

Sei cattivo, specchio.