D.90

 

REM



Ultimamente ho sempre sonno.

Forse perché mentre dormo,

ti sogno.

Você é linda



Nel giradischi il vinile di Caetano Veloso

suona la nostra bossa nova preferita.

Sulla scrivania, tra i vari libri,

il tuo diario.

2006.

L’Italia sul tetto del mondo,

ed io tra le tue dolci braccia.

Olio su tela



Sui tetti di Roma

abbiamo fatto l’amore per l’ultima volta.

La città come cornice e noi a baciarci,

come in un quadro di Klimt.

Come l’Angelica



Ci sono 406mila persone con il tuo nome.

Solo tu però hai

quegli occhi magnetici,

quel sorriso ipnotico,

quelle gambe chilometriche

e quel culo di marmo.

Che solo a guardarti perdo il senno

come l’Orlando.



Sei stata il rinascimento per la mia anima.

Via del sopracciglio destro



Chissà dove sei

Chissà con chi sei

Chissà se mi pensi e se ci ripensi.

I tuoi continui voli e la mia paura di volare

non sono mai andati d’accordo.

Ora che mi sono spuntate le ali,

chissà dove sei.

La Spezia



Manchi.

Io ti aspetto qua,

ma non tornare.

Non sopporterei di perderti ancora.

Ci rivediamo nella mia prossima chimera.

Già lo sai



Mi manchi ma non te lo dico,

tanto già lo sai.

Le rose per corrispondenza,

i vinili di Brunori,

le dediche di Catalano

parlano più di queste mie parole.

Tanto già lo sai.

Abitudine



Nel cassetto del comò,

ho ancora conservata la nostra foto.

Ogni tanto la prendo e penso:

“Che coglione! Avevo tra le mani la donna della mia vita, e l’ho persa.”

Poi la rimetto a posto.

E’ un’abitudine che non perderò mai,

nonostante tutto,

nonostante tutti.

φιλί



Non per un bacio rubato,
ma per l’amore che da sempre ho provato.

Siracusa



Fiorivano i mandorli 
e, sotto la loro ombra, 
ci giuravamo eterno amore.
 
Peccato non aver raccolto, ancora insieme,  
il loro prezioso frutto.



Sei il quadro giusto

per il mio chiodo fisso.

Roma14



In una stanza in affitto,

In un letto di altri.

Io e te.

 In un’unione profonda e calda,

Rossi d’amore.

 Io e te.

Provocazione



E

Tu

Sei

Felice

Nella

Posizione

In

Cui

Ti

Trovi

?

SPECOLA



Ci ritorno dopo anni
Era il nostro rifugio
Il luogo dove sentirci una cosa sola
La nostra panchina è sempre là.

Vieni a sederti con me?

DRIUS



“Resteremo uniti,

anche se non insieme.

La mia ingenua ingenuità è finita,

e si è portata dietro la nostra ingenua storia.

Sei sempre stato speciale e per sempre lo sarai

E per sempre sarai mio.”

 

Una vecchia dedica, una vecchia storia, una vecchia vita.

Baricco non mente.

Quello Che Resta



Quello che resta è:

Una foto stropicciata

Un libro ingiallito

Un monile sfregiato

Un ricordo,

Ormai.

10 e lot.



Un’effimera illusione,

un magnifico sogno.

Teste alzate

di fronte ad uno schermo,

nell’attesa di

un attimo di gloria

che duri per sempre.

23 • 7 • 14 • 89

Niente, anche stavolta.

Devo smetterla, ma…

Rigiocala di nuovo



Ma

Tanto

La

Poesia

(NON)

È

Morta