E.111

 

Ferita



La ferita del cuore è tornata immediatamente a sanguinare

e ti giuro che fa davvero male.

Di per sé non é successo nulla di eclatante,

solo un’illusione, una tra tante:

che ci potesse essere di nuovo affinitá,

quella corrisposta reciprocitá.

 

Ho sperato di provare con un altro lo stesso affiatamento, e invece,

indovina? Ancora un fallimento.

 

La ciccatrice che mi hai fatto é definitiva,

non la si può eliminare,

ed io temo,

per colpa tua,

di non poter più amare.

Sulla mia pelle



Sei la mia ciccatrice,

sei sulla mia pelle.

Ovunque io sia,

ti porto con me.

Per quanto io tenti di

cancellarti, di

nasconderti, di

dimenticarti,

non sarà mai per sempre…

 

Ovunque io sia,

ti porto con me,

sulla mia pelle

sei ciccatrice.

Niente di male



Non hai fatto niente di male,

 

Hai semplicemente

smesso di amarmi.

 

E questo, sì,

fa semplicemente male.

Ti devo dimenticare



…ma cancellare, non è di per sé, dimenticare!?

No,

non ti cancello,

non ti elimino,

non ti dimentico per sempre.

 

Però, sì, ti confino in un angolo recondito del mio essere…

(tu sei stato tutto il mio essere

in un felice passato)…

Eppure nel mio presente,

qui e ora,

distaccata da quando

e quanto t’ho amato,

neppure il tuo ricordo in me

trova spazio.

Fatt@ per l’ Amore



E se esplodono le lacrime,

tu lasciale irrompere.

E se i singhiozzi ti scuotono il corpo,

tu lasciati percorrere.

E se la ferita é ancora aperta e sanguina,

abbi pazienza,

aspetta e non farà più male, dopo poco.

E se ti vien da nutrire odio,

ricorda di non lasciar spazio al rancore,

perché sei fatt@ per l’Amore.

10giugno19



Ieri ero sposa

oggi son donna,

con una ferita in più, ma pur sempre

bella e pronta

a rinascere a me stessa,

a riscoprir(mi)

nel silenzio Dio

Pura Divinità che

trascende la separazione

e il distacco

é accettare

 

Ieri ero sposa

oggi son donna

domani chi lo sa

AMORE



Amicizia Potenziata

di

Complicità di Anime Affini

Aeroporto



Luogo di sospensione

Tempo di pausa

Passaggio di dimensione

Transito del sé

Tu fatti trovare



Dov’è la mia via, la vita mia!?

Io ti cerco, tu fatti trovare.

 

Che direzione dare la mio passo!? Dove si trova il mio posto!?

Io ti cerco, tu fatti trovare.

 

Dov’è il mio futuro!?

Tu dimmi, che io ti passo a prendere.

Io ti aspetto, tu fatti trovare.

Un battito d’ali



Da giorni ti cerco con lo sguardo

E quando ti scorgo
Anche se é solo per un attimo
Anche se é solo per un battito d’ali
Mi cambi la giornata
La mia anima si dilata
E mi sento depositaria di un’enorme fortuna
Faccio parte del tuo mondo perfetto
Così come tu del mio
caro piccolo Pettirosso

Siamo



Siamo tutto ed il contrario di tutto
Siamo il niente ed il contrario di niente
Siamo l’opposto, la contraddizione,
L’affermazione e la negazione

Deperibili e incorruttibili
Fragili e invincibili
Finiti ed indefinibili

Impulsi divergenti
Propositi convergenti:
Fissare ogni attimo nell’eternità
Per lasciare di noi
Un ricordo di Essenza pura

Fa male



Staccarsi dal male
Quando fa male
E distaccarsi dalle emozioni
Quando provocano dolore
Ma ci si resta attaccati:
Come pretendere di slegarsi da un membro
Se si é generati da quello stesso membro?

Vorrei esser come te, Luna



T’ho di fronte a me
E non riesco a staccarti lo sguardo di dosso
Vorrei anch’io essere come te
Occupare il cielo
Luminosa radiosa splendente
E pur sempre solo riflesso solare

Luna che sei piena



Luna che sei piena
Mi ricordi che son viva
Luna che sei piena
Mi ricordi che son su questa Terra
Luna che sei piena

Quando ti fisso
Tu mi dai la scossa

Viaggio



Viaggio per vivere
Vivo per viaggiare
Perdersi per ritrovarsi
Allontanarsi per avvicinarsi
Mescolarsi per identificarsi
Colori speziati sapori luminosi odori permeanti
Suoni sconosciuti eppure sempre saputi
Parole e legami
Son parte del tutto
E tutto è parte di me

La PrimaVera



Come se fosse la prima vera volta
Che ti respiro
Aria intramontabile
Come se fosse la prima vera volta
Che mi pervadi i sensi
Luce frizzante
Come se la PrimaVera fosse qui ed ora
Ma anche
Ovunque e sempre

.



La linea che era continua si é bruscamente interrotta
La linea che era continua é diventata tratteggiata
La linea che era continua è diventata un punto e a capo
Punto

.

Tu&Io



Tu mi hai cercata col tuo richiamo
Io t’ho vista e t’ho ascoltata
Tu mi hai regalato il tuo canto, i tuoi colori e la tua bellezza in miniatura
Ed io te ne son grata

Se servisse tutto questo a qualcosa



Vorrei urlare fino a perdere la voce
Vorrei contorcermi fino a perdere il mio corpo
Vorrei piangere fino a perdere ogni lacrima
Vorrei scappare fino a perdere me stessa
Vorrei fuggire fino a dimenticare
Se a qualcosa tutto questo servisse…



Vorrei annegare nelle mie stesse lacrime
…e naufragar m’è dolce in questo pianto

Luna



Chiarore notturno di riflesso solare
Sei
Satellite e come Angelo
Custode vegli sulla notte
Inglobi le ombre, calanti e
Crescenti e ci rinnovi
Nel tuo apogeo, ti sento vicina

:-)



Quando non sorrido,
Mi sento inutile
Affossata, affondata
Già seppellita in terra
Come se fossi morta

Dissolvermi…



Come una nuvola
Mi sento trascinare dal vento
Nel cielo della vita
Senza una destinazione precisa
Senza una direzione chiara
Senza una direzione precisa
Senza una destinazione chiara
E come una nuvola
Nel cielo della vita
Vorrei dissolvermi

Com’è la tua?



Fame morbosa
Fame nervosa
Fame nevrotica
Fame robotica
Fame disordinata
Fame disturbata
Fame irrequieta
Fame tutt’altro che mansueta
Fame impazzita
Fame di Vita

Avere la giusta fame



Non cerco la fama
Vorrei solo avere la giusta fame
Che famo!? Che m’amo
Fino alla fine
Tra il fumo
All’estremità di una fune
Che slega le fila
Di un discorso contorto
Chi ha ragione!?
Chi ferma la fame
Dice fine all’affanno
Finalizza lo scopo
E scusa se è poco

Come la Foglia fa



Stáccati
Come la foglia fa ad ogni stagione
(Si) Lascia andare, sa che è la cosa migliore
Stáccati
E lascia le tue rame spoglie
Non temere, verranno nutrite altre e tante voglie

Stáccati

e sentiti allegerito

stai semplicemente facendo spazio all’Infinito.

Tutto Rosso



E diventiti tutto rosso
Anche se solo per pochi istanti
Mentre io,
Già sveglia, ti sto a guardare:
Cielo all’alba 

Cèrcami



Ho smesso di cercarti

perché ho smesso di cercare.

Vorrei essere cercata,

ora che (io) mi son trovata.