E.65

 



Cerco di stare al passo con te
ma il tuo ritmo è disorientante,
la metrica del tuo andamento
calibrato in respiri spossati.

I miei passi erano esametri dattilici:
dita il tenevo le muovendo tempo
nell’aria che soffoca
silenzio e obbliga me al.

Testa è nella musica mia
una sonata per violoncello in b minore,
una melodia che puoi ascoltare
solamente interpretando i miei spa- sp- spm- spast- spasmi.

- Silenzio. Inspira. Espira. -

Ho memorizzato la metrica dei vostri passi
ricercando il ritmo della mia mente
quando mi dite di stare calmo e riprovare
a riprendere il contatto con il mio corpo
a riprendere le redini del gioco
a riprendere in mano la mia vita.

Ma la mia metrica è cambiata
sono imprigionato in cesure
di versi che non so pronunciare
non riesco a ragionare
dispari tempo è il ormai mio
e non mi permette più di camrin- cam- cre- cm- c…

- Silenzio -.

Murst



Inebriante erotismo
il canto del delirante
che rapì la tagliatrice di radici
dal tellurico richiamo.
Delirio indotto da un ipnotismo mentale.

Siamo nati per distruggere
o generare vite?

Sei sensualità celata
dietro selvatiche pulsioni,
sei respiro caustico
per i miei organi interni.
Si schiudono le labbra in sinfonia remota.

Cosa desideriamo più di ogni altra cosa?

Oblii la patria
padroneggiando la magia delle parole
immobilizzi il nomade
in istanti atemporali
e così segni la sua fine.
Sussurrami ancora nel buio delle tue debolezze.

Orientarsi a Torino



E2-E4
Tadleeh.
Sentore di datteri e curry,
di rose e incenso,
piedi scalzi su sabbia rovente
il calore serra le palpebre
di un uomo che tutto possiede
tranne ciò che ardentemente desidera.
La soluzione fu trovata
nel delirio di onnipotenza
di un prestigiatore che irrise la morte.
Pulpano gli avvoltoi
sulla carcassa del cupido.
Così ebbe inizio il folle gioco,
E4xF5
Shoefiti.
Parte restante
di una cartina girata a bandiera
-l’unica in cui ti identifichi-, masticata
e poi sputata sulla terra
dove il sangue è scorto
dalle vene di un uomo
che si professò poeta.
Raffina i sensi
e potrai udire cavalli nitrire,
mentre gusti un vin doux naturel
scorrono le dita lungo un manteau ruvido al tatto
ed un acre odore ti annebbia la mente;
il piacere è celato nello sguardo di chi sa attendere.
Il destino porto annidato tra le mani,
Qh5
Mbuki-mvuki.
Lascio in eredità
ricordi di vetro in scatole di cartone,
un parquet corroso dai miei passi pesanti
e coperte stropicciate da notti insonni.
La sangria ci scorre nelle vene,
tremano le corde vocali.
Liberati di quei vestiti
e balla assieme a me
al ritmo di un ukulele scordato;
siamo giovani
giovani ed invincibili.
Gestisci bene il tempo, assapora la vittoria:
check mate!

время спать



закройте глаза,
расслабьтесь,
вдохни и задержи меня в легких..
подольше..
эх, yже слишком поздно!
прямо сейчас вы потеряны во тьме
вы не можете найти спасение от удовольствия, которое я причинил вам

ты умер таким образом
потерянный в извращенном безумии
человека, который никогда не знал, что такое любовь.