E.73

 



Dello stesso sesso
sono fatti i nostri corpi,
che esuli si accingono
a stare vicini.
Ci sentiamo come fenomeni da baraccone in un circo;
pur provando un amore simile
a quello degli altri.

L’acrobata



In punta di piedi,
su un filo.
Osservo dall’alto
i miei sogni.

Complicità



Danzando gli sguardi,
soffocano le parole.



M’immergo nei tuoi occhi
per sognarne un dolce prato.

Lettera 1



(…)rammento ancora
quel piacevole imbarazzo,
che si prova nel ricevere
un tuo bacio.

Surreale



Ti ho sognato,
ho sognato noi.
Nel letto
vestiti di vita.

A COLUI CHE VIVE



Adagiati sull’appena colto prato,
scivoliamo l’un l’altro avvinghiati
insieme.
Nel silenzio contempliamo la vita
incrociando gli sguardi,
sorridiamo.
Il tutto è un inizio e una fine in sè.