F.09

 

Guarda fuori dai finestrini del treno



Guarda fuori dai finestrini del treno

la vita che ti appartiene ugualmente

senza speranza di rimborso

né resa e cambio.

.

Guarda fuori dai finestrini del treno

la vita che comunque non influenzi

il paesaggio che non ti conosce

in corsa inesorabile in vetrina.

.

E ti sforzerai di essere partecipe e vivo

che intanto riposi per sempre

e nel tuo orgasmo di pensieri

dimenticherai lo specchio per capire cosa sei.

09/02/2014

Piazza Taksim



La notte di piazza Taksim

è l’ occhio del ciclone,

la notte fonda di piazza Taksim

è la quiete

che precede la tempesta.

.

La grande notte di piazza Taksim

inghiotte tutto ciò che resta dei figli,

perché i figli di piazza Taksim

o sono morti

o non vedranno più alcun futuro.

.

La quieta notte di piazza Taksim

ha addormentato le pentole,

ma le vecchie giovani di piazza Taksim

canteranno ancora,

domani, il futuro degli altri.

.

La notte in piazza Taksim

ha coperto i sassi, gli scudi rimasti,

ma i bossoli degli assassini

hanno squarciato il Velo

e la Luce non sarà occultata.

07/06/2013

Questa è per voi la pace?



I bambini sotto le bombe coi giochi in mano
O i ventri di donne squarciate da mitragliatrici
Siamo trebbiatrici
loro il grano

7/04/13

Profumo



Come erba tagliata al mattino,
fresca, profumi
del tuo profumo
di vita gioiosa.
Profumodi brina
sulle foglie,
Profumo,
d’ occhi di bambina.
Profumo,
d’ una goccia di miele
scintillante al sole,
profumo,
salmastro di libertà,
sul mare, di vele.

Sul monte



Nebbia leggera, là basso, che sali
sul monte portata d’ aeree ali.
Porti, soave, la pace cara,
e, liberata, l’ anima bara,
e corre, leggiera, nel bianco,
e, spensierata, si perde nel manto.