F.121

 

Per S.



Un’anziana ucraina

a 90 anni

aspetta ancora la favola del papà.

Non vuole cedere la terra,

dunque deportato.

Morirà nelle braccia del gelo

siberiano

pensando alla sua bambina,

maledicendo il bastardo

rosso.

Che la terra che hai collettivizzato

ti sia pesante

come una favola mai terminata.

Pastello



Mi manchi di blu

pastello, non cielo

di occhi rugiada all’insù

di maree temporali nel gelo.

Di docili fiordi ciclici

che dentro me

fioriscono come salici

quando mi ricordo di te.

 

Mi manchi di blu pastello

anche se il giallo

era il tuo colore

preferito.

Infuso



Spiegami perché mi incantano

quelle senza perché

o motivo.

Spiegami perché io

senza tragedia non ci sto.

Spiegami perché riesco

a voler bene

solo ad occhi bugiardi ancora pozzanghere

passati di amarezza fuliggine

infusi di parole mai dette.

Spiegami perché sono

le streghe che io voglio,

che mi affeziono ad assenze e idee.

Infuso zenzero e arsenico – pizzica.

Bevanda assassina: mi disseto e vi adoro.

 

Eterno sacerdote di casi umani