G.148

 



Che quando piange

il cielo

perché siamo distanti

non sa

che il sole dorme

ancora

nel tuo sorriso.



Nel verde

mi perdo

in quegli occhi

che tra muraglie

di libri spessi

vuoi contagiare

il mondo

di amore