G.195

 

Requiem



Laddove le sue sbiadite orme

nei miei ricordi

si mimetizzino tra le impronte

di effimeri viandanti

e cedano il passo

a consistenti strati

di un vivo livore,

che emergerebbe quindi

dalle scorie febbricitanti

di questo torpore,

possa

l’assiduo mio calpestare quelle orme

scolpire

con temprata esaltazione

tracce

che non infanghino il suo nome.

Gewürztraminer



Assorbo te
-acqua pura-
che fluisci intensamente
idratando arida cute
da residui salmastri.

Riconosco te
-costellazione dorsale-
tra composizioni geometriche
su piccola scala,
allestisco i punti
che gravitano
questo spoglio rifugio.

Perdono te
-foglia brunastra-
staccata da stabili fronde,
che armonicamente procedi
trascinando
su carreggiate roventi
residui del tuo colore.

Trascuro te
-granello di sabbia-
occultato da tuoi simili
che brami la tua dimensione
segregato, rovesciato,
in un tempo ormai andato.

Intravedo te
-strascico lucente-
che tinteggi di bianco
lo sfondo notturno,
appena un attimo prima
d’inseguire invano
un desiderio d’autunno.

Rimpiango te
-vecchio mio-
chete sfumature
adagiate sul nostro vissuto,
si riversano
come lastre di lacrime
distillate in vino.

Decanto te,
adesso,
come fossi l’ultima
tra le godurie più insperate
ch’io possa ancor sentir
d’assaporare.



T’incrocerò
simulando stupore
durante un vagheggiamento
che riuscirò poi a ricollegare,
decifrando l’itinerario
per non confondermi,
tra gli arrugginiti sentieri
in questo labirinto
di cartapesta.
Osserverò solo tasselli sparsi
e ridotti in frantumi,
nei pochi metri quadri
che profumeranno ancora di te.
Riuscirai ad infiltrarti
a tuo piacimento
finché vorrò distribuire
un verso diverso
ad ogni sfondo
del mio universo.
  e proverò a mentalizzare
la gradazione del tuo calore,
la rivoluzione nel cuore di Giove;
ti avvertirò così reale!
  e oserò scrutarti da vicino,
se mi pervaderà la sensazione
che potrei svegliarmi
da un momento all’altro.

Resto a un palmo dai tuoi occhi.

 

_lente properare memento_



Tutto scorre

Nell’evolversi quotidiano 

Tutto scorre

Studiare il soffitto e non ricordare   

sogni che alla luna hai chiesto d’affrontare, 

volendo percepire la finzione circostante 

come realtà che funge da collante.

Tutto scorre

Intrappolati in “Tenda” meditando silenzio

tormentati nell’anima come il mare d’inverno,

travolti da un’onda insolita che scalfisce i ricordi

e che s’abbatte con enfasi su molti dei nostri.

Tutto scorre 

L’attimo in cui si materializza un pensiero,

un dettaglio che d’un tratto ti riporta indietro,

inalando i residui dell’ultima sigaretta spenta

approcciando alla vita navigando con urgenza.

Quando ti cerco tra cento volti che girano in tondo,

sentendoti in troppe voci che rimbombano in coro,

fantasticando su e giù tra le appendici del mondo,

accecando i miei occhi di rabbia e di cloro.

Tutto scorre

Leggendo pagine di storie vissute 

nelle falle di palpebre abbattute,

stordendo le tempie sui clacson ridondanti

degli iscritti all’albo dei cuori infranti 

mendicanti 

di amori nauseanti.

Tutto scorre

Nelle vene di chi non si rende conto

degli anni che appaiono senza riscontro,

come neve che si scioglie senza volerlo

e poi alle foto passate si chiederà appello. 

6th irishMay



pure ‘chesta notte addà passà 
mo’ vièneme n’suónno bèllu mussì, 
che tengo nu’ pacco ‘a te lassà 
cù l’uòcchije ‘e chi te vo’ semp’ accussì. 
‘Mmiezzo à tutta ‘sta gente 
che ‘ddice -guagliò, nùn ‘fa niente-,
sent’ ‘a pelle ca ‘se ‘squarta 
grazie à ‘stù viento ca me n’carta.
ma tu me sient’, mussì?  
‘Se perde troppo tiempo primma ‘e murì,
o ‘ssaccio che nun ce stà ‘na cura pe’ guarì 
àrape l’uòcchije e ‘ffammènne ‘ascì,
aspetto o’ juorno appriesso pe’ sparì. 
Dìnto a nù castello, n’còpp à ‘na muntagna 
poi sdraiati sotto à ‘nu ràggio ‘e luce 
ténimmo ‘o silenzio che c’àccumpagna, 
pecchè tanto ‘o ‘ssapimmo comme ‘se fà 
a nùn sperdere troppo ‘sta voce.

ma tu me sient’, mussì?
Sì ‘nnata comm’ e ‘mme, Sei maggio pure te, 
forse è chèsto, chèllo che me fott’;
sarà chillù púnt’ annascùs ‘ncopp ‘a front’ 
che ‘me dà turmient ‘a cerevella pur ‘a nott’. 
Chèsta stessa cerevella 
che m’hà fatt’ pedalà fino a Howth, 
pe’ te scrivere appena nu pensier’ 
ai piedi ‘e nù pilastro n’copp à ‘nà scoglier’, 
luntano dalla pioggia che se rafforz’ quanno è sera. 

Liberami da chìstu munno, aggj pacienza 
Lièvete da chìstu suonno, te chiedo bona crianza.
Lièvete pe’ sémp da chèsta mente,
Liberami perché da sola nun s’arrenne.
ma tu ‘a sient ‘sta sveglia, marì?

hippocampus



Appassiscono gardenie in questo talamo

ogni filamento eroso dalla tua assenza

quella di chi sa mancare

tra le meste fibre di questa corteccia.

Non vi sono filtri che mi proteggano,

vesto una maschera inconfondibile

di lamenti affannosi e silenziosi,

e lo sguardo assorto racconta per me

cronache di emozioni palpabili, confusionarie.

Pulsano furiosamente le tempie,

rintocchi tambureggianti senza tregua

isolati vagano tra le pareti

guarnendo un dipinto sfigurato,

imprigionato nel limbo

tra ricordi e tormenti.