G.57

 

Margherita



Anni passati all’ombra dei sassi
ardenti fiamme degli ultimi baluardi
abbattuti da mani nude e sanguinanti.
Verranno tempi bui
di voci rotte e teste vuote
e tu pallida Margherita
starai ancora inchiodando il vuoto
con occhi che un tempo facevano primavera.



In questa giungla di anime docili devi bruciare.
Gli occhi arsi di vita si distinguono.