I.25

 

Campane



Ti notai dentro l’ombra del ridondar di campane

mai uno sguardo fu per me più puntuale

come lo scoccar della tua mezzanotte.

Eri bella talmente

che il frastuono fluttuante

accorrer dovea

nel silenzio d’estate