I.27

 



A te,
che sei inciampato fra i miei passi e mi hai fatto credere fosse destino.



Ed il tempo m’รจ parso Inganno
crudele,
divertito tiranno.



T’avrei afferrato
anche
per rabbia.

(Nulla di te avrei
mortificato.)