J.21

 

Ode al fuoco



Siamo fuoco che arde e che divora

Luce nella foresta che spaventa e rassicura

Ci alimentiamo di emozioni

e le lasciamo diventare cenere

solo per sentirci un pò più caldi

Il gelo che sta intorno crea un contrasto così vivo

che sancisce la nostra onnipotenza

Ci sentiamo soddisfatti quando la fiamma

si innalza su nel cielo e fa breccia tra le nuvole

Ci arrampichiamo su una corda di bracieri

non curanti delle ustioni

convinti che la strada ci guiderà

alle stelle più belle

Intenti nella notte a fingersi dei fari

guidano il nostro inesorabile cammino

Eppure

uno spiraglio di vento si aggira per la calda bolla

soffia sul collo

pian piano diventa uragano

La fiamma si fa più docile

tutto ritorna cenere

Nella foresta non esiste più luce

solo buio e quiete

solo silenzio e tenebre

Rassicurato dal ricordo di un calore passato

ti arrendi alla verità

Tu sei fuoco

Senza ossigeno rimani strozzato

Houdini



Una nuova illusione

si fa largo nella mia testa

Così seducente

aspetta

di essere cullata.

Incurante della realtà

strappa via le sterili convinzioni.

E ruota e gira

come un fiume che scorre

dentro e fuori la mente,

in un universo che corre

e ti lascia impotente

’66



Guardando l’acqua che scorre veloce

mi chiedo dove quei rami saranno portati.

Alcuni roteando rimangono incagliati,

altri spazzati dalla corrente feroce.

Mi immagino navigare su un tronco robusto

che corre impaziente verso la foce.

Tutta illusione l’appiglio è un arbusto,

annaspo tra  vortici e un filo di voce.

Sopra o sotto il pelo dell’acqua

la vista non cambia,

ha lo stesso sapore.

Visione di un mondo meschino e perfetto

che ha inghiottito tutto l’amore.

Mi risveglio fradicio lungo una riva,

con il fiato mozzato mi metto a sedere.

Ho lottato tanto per restare a galla

ma sono annegato dentro un bicchiere.

Passeggera Ispirazione



Andrà tutto bene,

come quando in macchina ti metti a sedere,

al volante dopo il sesto bicchiere.

Pensare al tuo nome

è un conato di vomito,

un dolore appagante

un piacere insolito.

Libera il male da questo corpo

ma stende a terra dal contraccolpo.

La paura si insinua tra le sinapsi

come un serpente che cerca la preda.

La ragione pacata invita a chinarsi

senza curarsi in cosa tu creda.

 

Una sera qualsiasi



Apri gli occhi e guardati intorno

Che cosa vedi? Cosa senti?

I colori ti investono

E assordano i lamenti

Del mondo eterno.

Non c’è nessuna via

Che appaia realmente ciò che sia.

Il nostro pudore,

Il nostro corpo,

Sono solo il figlio della mente,

Nato morto.

Sotto le macerie di una realtà che annoia,

delude e mai ti parlerà

di ciò che gli altri chiamano “la Felicità”.

Allein



Oggi non c’è nessuno

nessuno di cui abbia bisogno.

Solo lei sa,

solo lei mi abbraccia.

Il cuore fra martello ed incudine,

quanto mi è fatale

e dolce questa solitudine.

Io e lei



Sfrecciano i pensieri,

i colori sbiadiscono

e pure oggi è come ieri,

le aspettative mi tradiscono.

E poi ci sei tu

con quella stupida allegria,

ed io che non so

dove sia finita la mia.

Seduto proprio accanto a te

un vuoto grande più del mare,

che mi porta a non parlare.

Ormai lontano da te

lascio che i pensieri

continuino a sfrecciare.

Fleur Maléfique



Lentamente come un battito di ciglia

appassisce il fiore.

Quel rosso meraviglia

che si appropria della mente

fugge infine dal tuo cuore.

Di nero il tutto si avvolge

ed immobile resti.

Nessuna dimensione,

l’universo piange

senza che qualcuno si desti.

Nuova luce, luce rossa

porta con sé l’alba,

in un gioco continuo

fra ciò che ti uccide

e ciò che ti abbaglia.

Flusso Circolare



  1. il volto di un uomo
  2. occhi che osservano
  3. i tetti di una città
  4. il cielo grigio
  5. come una barba non curata
  6. immagini che si sovrappongono
  7. la testa cade
  8. si chiudono gli occhi
  9. ora posso vedere
  10. i passanti
  11. i loro pensieri
  12. i loro problemi
  13. è tutto nella mia testa
  14. in catene d’oro
  15. è tutto nella mia testa
  16. manca forse una corona d’alloro?
  17. una strada
  18. due strade
  19. tre strade
  20. infinite strade
  21. nessun sentiero
  22. sono IO
  23. non lo sono
  24. non lo so
  25. aspettative
  26. obblighi
  27. decisioni delusioni
  28. vicino al traguardo
  29. la falsa felicità
  30. vado oltre
  31. dove?
  32. dove?
  33. dove?
  34. numeri
  35. parole
  36. volti
  37. cosa descrivono?
  38. non me
  39. cosa lascerei?
  40. non me (?)
  41. non mi fermo
  42. mi soffermo
  43. immobile
  44. ho perso
  45. ho vinto
  46. non ho vinto
  47. non ho perso
  48. ho aperto gli occhi
  49. ed è tutto lo stesso