L.123

 

Quattro



Anche se il nostro Marzo

ha fatto a meno del vostro coraggio.

Gniente de’ francese



Io me ricordo i sorrisi a mille denti,

la voglia de sta’ insieme, i lamenti, gli accidenti,

‘e gelosie, le attese, gli spaventi,

‘e telefonate, i “ma te pare”, la fine dei tormenti.

 

Io me ricordo ‘a gonna tua ‘nfilino troppo corta,

l’aria tua imbarazzata e seria in mezzo ‘a comitiva,

casini e impicci d’ogni sorta,

‘na carezza, leggera e furtiva.

 

Allora me chiedo e ma richiedo,

me lagno e me dimeno,

quando t’ho vista me so detto  “non ce credo!

m’ha rimpiazzato co’ quello scemo?”

 

Cio so che ero monotono, che ‘nvalevo ‘na lira,

che volevo sempre sta’ a casa tua pe’ vede’ un film,

che ‘nce stavo manco pe’ pijasse ‘na bira,

ma amo’ l’amore è pure routine.

 

Mo’ che te fai vede’ co’ quer principino,

che ‘nnate  ai concerti, alle gallerie d’arte,

me rendo conto de quanto so’ stato cretino,

ma nun je la faccio a metteme da parte.

 

Me so’ fatto accompagna’ da te, ar palazzo,

cio sai che nun so’ guida’, pure se c’ho ‘a patente,

che me riportavi avanti e dietro, e te ringrazio!

Allora t’ho chiesto supplicante:

 

“So’ stato o nun so’ stato il tuo primo amore?

Dimmelo signorì, qua c’è n’omo che te prega.”

E lei m’ha risposto con candore:

“Ma, ormai, che te frega?”

Prima di andare via



“Sfiorisci bel fiore”.
Una retta perpendicolare
nello sterno
e il dorso molto più lontano
dalle lenzuola.
Sentirsi a casa è un sentimento
arbitrario.
Ho bisogno di fermare la notte
e di non accreditare la stanchezza
a domani,
o meglio,
di non domani.



Ma come fa il cielo

a immaginar le stelle?

Quante volte vita



Illusa di rinascita

siedo sul treno come su

una luminosa trepidazione.

Spighe di sole scrosciano,

ma mi riacciango

all’indolente corolla,

illusa di riposo.

Si appassiscono gli occhi,

fanno da meretrici le emozioni.

Aspettative disperate.