L.62

 



Nel cammin solitario

mi immergo né miei pensieri

e una domanda rimbomba

nella mente:”Cosa sarò io un giorno?”

e compare l’immagine di me

avvocato,dottore o notaio.

Ma l’unica vera risposta è

un’altra domanda;”Perché non

posso esser libero?”.