L.75

 

Innamora(mento)



Innamoramento.

In-na-mo-ra-mento,

mento, per nascondere a me stessa la verità

che lotta per venire a galla

come una palla piena d’aria.

“La mente non lo dovrà sapere”, disse il cuore,

ma la mente già lo sapeva

e lottava, mentiva, per non visualizzare quegli occhi,

profondi come la verità.



Ti ho detto che ti amo

due mesi fa, non era vero, mentivo.

Oggi ti amo più di ieri

e domani ti amerò di più ancora,

ma mentiró probabilmente.

È un processo il mio amore,

una reazione

e non ti amerò mai,

se non l’ultimo giorno in cui vivrò,

quello sarà il solo limite estremo del mio amore.

Allora saprai che ti amo, e sarà vero.

Gioco da tavolo



Siamo un grande puzzle

di cui vorrei vedere la foto

sul coperchio della scatola,

o potermi inginocchiare

a cercare il pezzo mancante

sotto il tavolo e il tappeto.

 

Edilizia del cuore



È che tu mi fai davvero battere il cuore,

non in senso metaforico,

ma in senso letterale.

Il respiro è affannoso, veloce,

alimentato da battiti

che si susseguono rapidi

come le auto sulla statale,

e questo terremoto che sei

fa crollare i miei ponti.

Veleno



È così.

Le ragioni reali, tangibili, che mi do potranno essere contraste,indebolite, offuscate, smontate.

Ma l’istinto, quello no, quello che sento è vero, io sola lo so,

lo avverto

e mi avveleno bevendo alla fonte di queste certezze.