M.108

 

Attesa



Cosa senti?

Testa leggera

Cosa provi?

Dispersione

Cosa vuoi?

Tagliare il tempo?

Cosa fai?

Attendo immobile

-



Porteresti un uomo a soffrire?

Certe volte non sai più che fartene col tempo,

se addomesticarlo e portartelo sul seno

o sgretolarlo in mille coriandoli

Subendo gli estremi ci si conosce bene,

ma è stando in mezzo che si diventa resistenti

e questo c’entrava con la poesia?

Ma che ne so io, manco le so scrivere.

 

Noi



E arrivi all’improvviso

i tuoi occhi nei miei

gelidi e fragili,

cerco di specchiarmi

riesco in brevi momenti

 

Son frazioni di secondo

il culmine che ci unisce,

quando rapidamente ci perdiamo

nell’immenso declino

di due poveri amanti

che non si sono ancora amati

 

Per paura o forse

per dare dell’intimo rapporto

a qualcosa di segreto,

restiamo fermi a giocare

per tutta la vita

 

 

Fretta



Freddo esterno eterno

un pensiero fisso, il corpo si dimena

le mani spaccate e il sangue che cola

la bocca che trema e le gambe pesanti

 

La mia bicicletta continua a pedalare

e il pensiero si perde.

 

Casa



Sofisticate, tempestose, affilate

queste lenzuola colorate

scavano e avvolgono

tutti quei timidi sentimenti

d’un velato desiderio

che accarezza il suolo

 

Frammenti tarchiati

di silenzi nascenti

pulsano e balzano

in un ignoto prestigio

rapiscono e sorpassano

questa mia cara pelle

 

Prodotti d’un capitolo inconfessato

mutano in un’allentata superficie

ove creano dipendenza

 

Dovrei mostrare riconoscenza?

Ho tra le mani

qualcosa per cui volteggiare

qualcosa che giustifichi chi sono!

Ma diviene impossibile

quando queste lacrime

risultano incondivisibili

Violento



il sapore di questa sporcizia

lontana… Distorta…

Nascosta tra la folla

sono al sicuro,

mastico personalità

così che del mio viso

non avrai più memoria.

Non mi volterò!



Nulla potrà contrastare

lo scambio costante del mio volto.

Quando cesserà questo viaggio?



Ho perso l’icona del tuo sguardo

(un sospiro)

Tutto è monotono, statico ed insolubile

(due sospiri)

Non resisto, non esisto

(nessun sospira)