M.113

 

Ensomhet



Ensomhet av et univers fullt av mennesker.

Empty room



As the wind blows our fragile bones are falling into pieces

Pieces of what is now left from this miserable evening as our voices are melting together

We keep losing track of time as we sit in this empty room full of silent pauses

Your red teeth as you calmly sip from this transparent glass

The sound of the fire crackling behind the fine shape of your shoulders

And as I suddenly see your neck trembling I hear voices from the deepest parts of my mind where you left thousands of holes as you walked away on that cold evening.



Mi si stringe la vita in una morsa fatale



Sono gli infiniti prati di stelle che mi ricordano che anche oggi siamo soli in un destino frastagliato da minuscoli punti gialli.

Attese



Ho aspettato giorni che sono diventati mesi solo per sentire il palmo della tua vita sfiorarmi le guance ancora tremanti per l’attesa.



Ti ho tanto cercato e tanto agognato
Sognato cento mille anni volte il momento tra i tuoi capelli carbone
E adesso che è passato svanito soffocato non mi resta altro che chiudere quelle porte per un istante riaperte
Piego quelle carte macchiate violentemente di inchiostro
Chiudo gli scaffali gli armadi e le soffitte
Non ho più niente da offrire se non questi fiori recisi ancora caldi tra le mie mani.