M.128

 



Come d’autunno muore la foglia

la linfa del mio amore si esaurisce.

Spesso ritrovati sulla stessa soglia

combattiamo una battaglia che perisce.

Liberati di me,

ma portami con te.



E se fosse tutto un’ineluttabile corsa verso la morte?

ARRIVEDERCI



In una leggerezza di un addio,

quello spento alla fine delle parole

dove gli occhi e le espressioni parlano,

ho sempre colto

a chi porterĂ² mancanza

e chi vuole la lontananza.



Incrociamo gli sguardi

come quando dai la precedenza a destra.



Tramontiamo come un’alba di Novembre.



T’ho vista in quel locale

a due passi da un noi.

Ansimavi sull’uscio della morale

a due passi da un poi.