M.132

 

Occhi come finestre



Cosa vedo dalla mia finestra

Nebbia
Adoro la nebbia
Ma questa è diversa, acceca
Imbottiglia i sentimenti e lascia spazio
Solo alla finzione
Quale emozione?
Vedo tutto
Come uno spettatore
Per questo fatico
A distinguere cos’è reale
Quando accade a me
Medesima
Ecco la millesima
Ora che passo
A guardare fuori
Le mie finestre

sempre aperte.

Let it all out



Perché sono qui
Cosa ci faccio
Perché non sento niente
Voglio piangere
Per cosa sto piangendo
Voglio fare chiarezza
Rallenta per favore
Non so cosa sentire
Non so cosa sento
Perché sempre a me
Neanche una giusta
Non ci riesco, non riesco a fare niente
Non mi sembra di chiedere tanto
Non so che cosa mi succeda
Non so cosa fare
Non so se ho bisogno d’aiuto
Mi sembra di non sentire i miei piedi poggiare a terra
E niente mi scuote, niente mi tocca
O invece mi tocca troppo
Mi arrabbio con tutti e vorrei ammazzare qualcuno
Oppure voglio piangere
Ma alla fine piango sempre
Non tengo il conto
Non ce la faccio piu
Non riesco a mettere insieme i pensieri
O a dividerli
Aiuto

Bon voyage



Porto souvenir dalla mia vita

Non vedo l’ora di tornarci.

Existential crisis



Mi sembra
Di aver chiuso fuori
Tutti ciò che rendeva me
Me

Dove sei finita?

Eco



Nella notte,notte,notte
C’è troppo silenzio
I miei pensieri fanno eco
Eco, la ninfa
Perfino lei
Era occupata a pensare
all’amore.
Amore.
Amore.

Tu



Come mai
All’improvviso
Vengo invasa da un senso
Di vuoto e sconforto
Noia mortale
Presa alla lettera
Questo mal di gola incessante
Tosse che non accenna a sparire

Così come la tua immagine
Nella mia
Testa.

Persa



Quant’è dolce

A volte

Sparire.

Vediamo



La città attraverso una rete
Filtriamo la nostra mente
E produciamo profitti

Progresso che contribuisce
Alla rovina di questo pianeta.

 

Pensierosa



Il treno

Lo ascolto

Passare

Alle 5 del mattino

È tardi



Ho spento la musica
E il ventilatore
C’è silenzio ora
È quasi surreale

Vivere con



I piedi per terra

Ma le mani sul legno

Untitled 1



Ho fame

D’amore

Sete

Di attenzioni

Bisogno

Di qualcuno

Di mani da abbracciare

Di spalle da stringere

Per favore

Non farmi

Più male.

Bagnati



I miei occhi
Sembrano più verdi
Ora che luccicano
Bagnati di solitudine

Inquieta



Situazioni di imbarazzo
Gelosia senza coraggio
Struggimento
Pentimento
Una folata di vento
Confusione
Conclusione, non la trovo, cerco meglio
Scivolo dall’appiglio
Una goccia di vermiglio
Senza speranza
Un germoglio
Un groviglio, di rami
Proseguono alla cieca
Strada ormai bieca
Fuga senza meta
La mia mente inquieta