M.147

 



In un tremito,

le mie porte si aprirono

al tuo quieto sospiro.

 

Ma, adesso,

più aridi i nostri desideri.

E son miei

quei tuoi silenzi.