M.182

 



Ho trovato me stesso
fra i colori vivaci
dell’allegra estate,
ho trovato me stesso
fra gli alberi verdi
e il canto delle cicale
in calore,
ho trovato me stesso
perché era lì
che dovevo trovare me stesso
ed è lì, è lì
che ho perso me stesso
fra le foglie appassite
di un pallido autunno,
fra le luci soffuse
di una serata nebbiosa,
fra i silenzi assordanti
e i ricordi pesanti
è lì, è lì
che ho perduto me stesso,
ma è qui, è qui
che ritroverò me stesso.



Vorrei

sapere se hai corso

sui prati fioriti

della fanciullezza

 

Vorrei

sapere se hai mai

costruito castelli

con secchiello e paletta

 

Vorrei

mi raccontassi di più

della tua giovinezza

 

se mai

hai sventolato bandiere

di un solo colore

rosso(re)

rosso(re)

 

se mai

hai protestato

contro i padroni

potenti

oppressori

 

se mai

hai sentito

questa voglia

d’ uguaglianza

nel cuore

                             Ma io

                             Non ti chiedo

                             Mai

                             Niente



Confini

punti di frontiera

senza fine

 

Confini

tangibili,

confini

immaginari

 

Confini

che ancora

non ho varcato

ma che varcherò

per sentirmi

Illimitato



Il cielo è azzurrino

sull’orizzonte violaceo

e in alto, non troppo in alto

c’è la luna piena

Il sole ancora non è tramontato

È come se i due si volessero parlare,

dirsi qualcosa

Un abete sorride

E nei riflessi degli specchi

le nuvole rosa



Livorno,

ti ricordo

come un sogno

 

Non so se stata ci sono mai

ma se penso a Livorno

nella mia testa

c’è Livorno

 

È un palazzo a forma di matita

È un pianto di bambina un po’ impaurita

È una meta che non era stabilita



Godi dei colori sugli alberi

non durano tanto

li vedi solo una volta l’anno



Sono belle le stazioni

ma di più i viaggiatori

che non sanno dove vanno

che non sanno che gli aspetta



Perché è bello vagare

senza una meta precisa

Perché è bello pensare

da soli

Perché è bello pensare

e basta

Perché è bello perdere la strada

per poi ritrovare la via