M.71

 

Spielkarten



This is a pack of cards
full of the unspoken words
of soul and fear.
Hubbub…

Coldness,
Silently,
Turn in a
warmy feeling.

Safe
of me
and you.

And everyone of you and me
Before me and you
And after me and you.

Désorienté et paisible.

Sto sperando in domani.

Valores expresivos.



E se, improvvisamente, mi chiedessi
Chi sono
Senza pensare a chi tu sei
E a chi voi siete.

Che sono?

Senza posa,
Ma chi sono?

T’amo se m’ami?
Non piango se fa male.
Non annego s’è mosso.

Chi sono?

Dammi un nome
Lo analizzo
E mi dimentico

Chi sono.

La vita è più leggera di tutto questo.

El tiempo es oro.

My defense.



Sei la fiducia che
Perdo e riacquisto.

Sei l’amore di questi giorni.

Sei la mia estate,
Profumata,
Sudata,
Rubata
ma

Amata.

Unnamed



I’m drowning
Swimming on empty
And
I should run
Or
I should stay and fight for you like
I didn’t when I should’ve done.

Scratching that silence,
My love.

虚步 .



 

Quando l’immobilità ha raggiunto il suo limite, ritorna il movimento.
Movimento e Immobilità ,l’uno l’origine dell’altro.

 

Sei un passo vuoto.
Xubu.

 

Forse il mio Oriente.



La mia mente rigurgita storia,sogni pigri e vuote fantasie.
Avresti potuto essere il mio Oriente pieno di mistero e magia
e invece sei solo l’ennesimo pezzo d’Occidente più noto che mai.
Le altre,tutte sorridenti,intente a seguire la musica,le mode e le folle
ognuna a suo modo. Una capacità profonda di abbandonarsi al vocabolario dei sentimenti.
Travolte dalle parole dell’amore.E allora ho compreso.
Per me no, ma potrei riuscirci, diversamente.
Intensamente.
La madre dei miei ricordi.
Madre mia che mi hai insegnato ad amare ed odiare, odiando d’amare,
amando d’odio.
Donami il mio Oriente e  una bussola, non perfetta ma onestamente
avventurosa.
Al sapore di incensi. Profumami d’Argan
dove so’ di sale.
Seguimi e ascoltami,
lì dove nemmeno io so’ ascoltarmi.
Ti prenderei ora e ti amerei fino al più forte
sapore di sale ma mi trattengo.
Il mio amore è blasfemia.
Non lo posso narrare perchè nell’amore non c’è spiegazione.

Ciao, mio Oriente.

Colorless.



 

La mia libertà è disegnare con le parole.

Devo ricordarmi di non dimenticare
Di disegnare con le parole.
Devo ricordarmi di non dimenticare
Di dipingere di parole color pastello
La tempesta di emozioni
Che mi consuma.
Devo ricordarmi di non dimenticare
Di colorare di coraggio
La mia paura del futuro.
Devo ricordarmi di non dimenticare
Di figurarmi degli emozionanti
Paesaggi pieni di quiete e colori
Su questa parete di bianchi pianti.

La mia libertà è disegnare con le parole.
Le mie parole prigioniere e liberate.

L’infelicità di “essere” dopo “essere stati”.

 

Instrucciones…



Lo más fascinante
sería
ver el mundo en relieve
para obtener la visión en profundidad.

Mirándome a alrededor.

La horde des sentiments.



Copulation du vent
de formes noires
sous les tenailles du gel et du soleil…

Riempio un’altra valigia piena di malinconia.

Figuration, 1990.



A certain smile a certain sadness.

The tongue speaks: QUIETLY.

13.04.17



Svegliata
da questo sonno pomeridiano.
Ero già in lacrime.
Ero in lacrime ancora prima di
Svegliarmi.
Ero in lacrime,dormendo.
In lacrime,sorridendovi.
In lacrime,sopravvivendo.
Chissà se le persone non morte e rinate,
scrivono e pensano,
così tanto.
Sei la sola cosa
che
mi fa piangere
come
una bambina.
Fra i singhiozzi,
nessun virtuosismo.

Rivorrei
quel sorriso a cuor leggero.

Truthfulness.



Vorrei la fine di molte cose.

La fine di me stessa
La fine di te che mi chiedi di restare
La fine della mia assenza di movimento
La fine di questo ciclo
La fine della mia scrittura.

Torno a scrivere,
Racchiudo idee.

Niente cambia,da Gennaio ad oggi.
Niente.

Questo movimento senza evoluzione.
Modo di volersi:
Tu,sempre più disperatamente positivo.
Io,sempre senza convinzione.

Vorrei prendere la tua positività e
schiacciarla con tutta la cattiveria
che non mi riesce,mai.

Non scriverò sulle pagine che mi hai regalato.
La mia scrittura non ti appartiene.
Come non ti appartengo io.

Non sei passione.

Sei,
una strana e stremata voglia d’avermi.

Io e D**, così veraci.



Discrepanza di benessere.

Prendi,lasci,chiedi,lasci,torni,lasci,ti scusi,lasci.
Sei una fottuta discrepanza di benessere.
La mia. Non per molto.

Speriamo.

08.04.17
Treno per Bologna.

 

L’amour à la thermodinamique.



Temperature diverse
Di corpi
Che scambiano energia
( O la sprecano?).

Differenza d’energia:
Produco calore.

Principio zero:
Equilibrio termico.

Due corpi,
Isolati,
Cessano di volersi:

Terminato il calore.

Addio,falso amore confuso.

Déjà jouées.



Como cada vez que pruebo a escribir de mi padre
Smetto.

Et,je pense simplement à un tras de choses qui n’ont aucun rapport avec la situation:
Les jours et les semaines, les mois et les années déroulent lentement leurs souvenirs et leurs regrets.

Brisez les lumières!
Non ce la faccio già più a pensarti.

Bäume der Liebe.



No supe protegerme como yo deseaba.

Rubò dalle mie labbra,
acqua d’amore.

Hole.



Buchi,
Buche,
Buca…

Perfora.

E,basta,con questo riempire senza attraversare.

Il momento in cui,riemergo,
avverto lo stacco netto e delicato fra l’apnea e la boccata d’aria.

Sono un mare aperto,
Sempre più difficile

Ma,
Controllato.

Controlla
E
Controllami.

Ma non tieni i remi.

Voglio essere la tua assenza llena de miedo.
Lo que te merece.

Hors d’atteinte.



Vorrei  fosse il mio “quasi finito”
Completato.

Ma me ne andrò,
Prima,

Anche da te.

Cose da dire e non dimenticare.



Se avessi voluto questo genere d’amore, ancora e uguale ai passati mi sarei fermata sui miei dolori; passati.
E, invece, accarezzando il mio profondo e dolce mancare

Non c’è speranza in parole che si ripetono e tornano sulle stesse crepe.
Io e te, siamo nient’altro che amanti senza amore.

Nessuno sforzo ci porterà dove vorremmo o avremmo voluto.
Non credo più, nei compromessi di stravolgimento.

En la tarde…



Viento largo,
La despedida.

Ho detto cose alla mia anima che non ricordo,
Hoy vendo heridas de ayer.

Chi è che amava, chi?

Solitudini…



Cariche
Di tensioni.

Lo stesso dolore vuoto
Che non ho mai sentito.

Matarte.



Non chiedo : << Permesso >> .
Questa volta,
Sfondo la porta.

Te quiero.

La verguenza.



Una vita (una morte)
che si ispira a un ideale di eroismo
militante.

Silenzio interrotto.

Lone Ranger.



Quanto vorrei che questo mancare
C’appartenesse.
Un “si” per un mancarsi
E, invece,
Perso nell’iperspazio
Non ti seguo non essendo Luce.
Allora, questo mancare, non si fa “si”.

Fermo, scorre come fluido intrattenibile,
Senza nessuna presa.

Con scopi diversi, sempre lontani,
Nell’iperspazio,
Toi et moi,

Senza più radici.



Sei una poesia, semplice.

Bringhtness.

If Staying is the New going Away?



Affido questo pensiero discontinuo ad un carattere 11 Arial.

Toma de cociencia o;
quel che ne resta.

Proceso de aprendisaje acelerado:
Sostengo uno sguardo e una conversazione, incompleta.

Mancante di parti reali quelle che afferri mute e forti fra i sudori e gli umori che ci uniscono, momentaneamente.

Non capirò,mai,come possa esserci così tanta intesa in due estranei legati e logorati da caratteri che si possiedono, ripetutamente, nella notte.

Indigenismo fisico e letterario.

SandCastle.



Quanta forza
D’animo
Occorre
Per Sopravvivere
Sorridendo
In quest’Universo
di Simulazioni
Senza Fine
Dei Vili
Sorrisi
Domestici
Per una Serenità
Illusoria?

Vattene.

Nel Mezzo : Rien.



E,se non ce la fai,sei un Perdente.
E,se ce la fai,sei un Vincente.
E,se sei nel Mezzo,sei : Niente.

Neutralidad Emotiva.



Mia Madre,
Aveva Paura del Sole.

La Luce è nitidezza sulle cose.

Quanto odiavo il Buio a cui
Costringeva la casa.

Così,
Nel Buio della casa
Si era costruita un àrem di
Malsani Dolori dietro opere di Carità
Mancate a se stessa, da se stessa.

Il suo unico orizzonte:
l’infernale frigorifero.
Morta e sepolta per tutta la vita
Nel vomito di Solitudine e
Mancanza d’Amore.

Ti ho vista invecchiare negli stessi
Soffocati errori; ripetutamente.

Ciao Madre,
Sei stata debolmente preziosa e
Sbagliata.

OrdinataMente.



Sono:
Pianti di Forza
Quelli che ho depositato.

Lacrime Bagnate
di Consapevolezze.

Mai
Lacrime di Dolore.

Pianti Opportuni:
Non c’è “fuori luogo” nell’ umido che bevo
Quando
L’Anima soffre e il Cuore si stringe perché non può : Resistere.

Povero,Cuore Mio,che si contrae pacato e discreto
Nelle Consapevolezze.
A volte, la Volontà Mia, non basta.

E,vorrei darti la Certezza del momento senza più comandi.
Ma diglielo alla Mente che l’Amore non passa.

Mi riprendo il Sole e lo porto via con Me,
Nella fretta della Pioggia sotto un portico che non fa’ parlare.

Un giorno ScaccoMatto a questa Mente che ora non:
Cadere di nuovo.

Ordinatamente,

Consapevolezze di cuore e distanze di persone.