M.71

 

La horde des sentiments.



Copulation du vent
de formes noires
sous les tenailles du gel et du soleil…

Riempio un’altra valigia piena di malinconia.

Figuration, 1990.



A certain smile a certain sadness.

The tongue speaks: QUIETLY.

13.04.17



Svegliata
da questo sonno pomeridiano.
Ero già in lacrime.
Ero in lacrime ancora prima di
Svegliarmi.
Ero in lacrime,dormendo.
In lacrime,sorridendovi.
In lacrime,sopravvivendo.
Chissà se le persone non morte e rinate,
scrivono e pensano,
così tanto.
Sei la sola cosa
che
mi fa piangere
come
una bambina.
Fra i singhiozzi,
nessun virtuosismo.

Rivorrei
quel sorriso a cuor leggero.

Truthfulness.



Vorrei la fine di molte cose.

La fine di me stessa
La fine di te che mi chiedi di restare
La fine della mia assenza di movimento
La fine di questo ciclo
La fine della mia scrittura.

Torno a scrivere,
Racchiudo idee.

Niente cambia,da Gennaio ad oggi.
Niente.

Questo movimento senza evoluzione.
Modo di volersi:
Tu,sempre più disperatamente positivo.
Io,sempre senza convinzione.

Vorrei prendere la tua positività e
schiacciarla con tutta la cattiveria
che non mi riesce,mai.

Non scriverò sulle pagine che mi hai regalato.
La mia scrittura non ti appartiene.
Come non ti appartengo io.

Non sei passione.

Sei,
una strana e stremata voglia d’avermi.

Io e D**, così veraci.



Discrepanza di benessere.

Prendi,lasci,chiedi,lasci,torni,lasci,ti scusi,lasci.
Sei una fottuta discrepanza di benessere.
La mia. Non per molto.

Speriamo.

08.04.17
Treno per Bologna.

 

L’amour à la thermodinamique.



Temperature diverse
Di corpi
Che scambiano energia
( O la sprecano?).

Differenza d’energia:
Produco calore.

Principio zero:
Equilibrio termico.

Due corpi,
Isolati,
Cessano di volersi:

Terminato il calore.

Addio,falso amore confuso.

Déjà jouées.



Como cada vez que pruebo a escribir de mi padre
Smetto.

Et,je pense simplement à un tras de choses qui n’ont aucun rapport avec la situation:
Les jours et les semaines, les mois et les années déroulent lentement leurs souvenirs et leurs regrets.

Brisez les lumières!
Non ce la faccio già più a pensarti.

Bäume der Liebe.



No supe protegerme como yo deseaba.

Rubò dalle mie labbra,
acqua d’amore.

Hole.



Buchi,
Buche,
Buca…

Perfora.

E,basta,con questo riempire senza attraversare.

Il momento in cui,riemergo,
avverto lo stacco netto e delicato fra l’apnea e la boccata d’aria.

Sono un mare aperto,
Sempre più difficile

Ma,
Controllato.

Controlla
E
Controllami.

Ma non tieni i remi.

Voglio essere la tua assenza llena de miedo.
Lo que te merece.

Hors d’atteinte.



Vorrei  fosse il mio “quasi finito”
Completato.

Ma me ne andrò,
Prima,

Anche da te.

Cose da dire e non dimenticare.



Se avessi voluto questo genere d’amore, ancora e uguale ai passati mi sarei fermata sui miei dolori; passati.
E, invece, accarezzando il mio profondo e dolce mancare

Non c’è speranza in parole che si ripetono e tornano sulle stesse crepe.
Io e te, siamo nient’altro che amanti senza amore.

Nessuno sforzo ci porterà dove vorremmo o avremmo voluto.
Non credo più, nei compromessi di stravolgimento.

En la tarde…



Viento largo,
La despedida.

Ho detto cose alla mia anima che non ricordo,
Hoy vendo heridas de ayer.

Chi è che amava, chi?

Solitudini…



Cariche
Di tensioni.

Lo stesso dolore vuoto
Che non ho mai sentito.

Matarte.



Non chiedo : << Permesso >> .
Questa volta,
Sfondo la porta.

Te quiero.

La verguenza.



Una vita (una morte)
che si ispira a un ideale di eroismo
militante.

Silenzio interrotto.

Lone Ranger.



Quanto vorrei che questo mancare
C’appartenesse.
Un “si” per un mancarsi
E, invece,
Perso nell’iperspazio
Non ti seguo non essendo Luce.
Allora, questo mancare, non si fa “si”.

Fermo, scorre come fluido intrattenibile,
Senza nessuna presa.

Con scopi diversi, sempre lontani,
Nell’iperspazio,
Toi et moi,

Senza più radici.



Sei una poesia, semplice.

Bringhtness.

If Staying is the New going Away?



Affido questo pensiero discontinuo ad un carattere 11 Arial.

Toma de cociencia o;
quel che ne resta.

Proceso de aprendisaje acelerado:
Sostengo uno sguardo e una conversazione, incompleta.

Mancante di parti reali quelle che afferri mute e forti fra i sudori e gli umori che ci uniscono, momentaneamente.

Non capirò,mai,come possa esserci così tanta intesa in due estranei legati e logorati da caratteri che si possiedono, ripetutamente, nella notte.

Indigenismo fisico e letterario.

SandCastle.



Quanta forza
D’animo
Occorre
Per Sopravvivere
Sorridendo
In quest’Universo
di Simulazioni
Senza Fine
Dei Vili
Sorrisi
Domestici
Per una Serenità
Illusoria?

Vattene.

Nel Mezzo : Rien.



E,se non ce la fai,sei un Perdente.
E,se ce la fai,sei un Vincente.
E,se sei nel Mezzo,sei : Niente.

Neutralidad Emotiva.



Mia Madre,
Aveva Paura del Sole.

La Luce è nitidezza sulle cose.

Quanto odiavo il Buio a cui
Costringeva la casa.

Così,
Nel Buio della casa
Si era costruita un àrem di
Malsani Dolori dietro opere di Carità
Mancate a se stessa, da se stessa.

Il suo unico orizzonte:
l’infernale frigorifero.
Morta e sepolta per tutta la vita
Nel vomito di Solitudine e
Mancanza d’Amore.

Ti ho vista invecchiare negli stessi
Soffocati errori; ripetutamente.

Ciao Madre,
Sei stata debolmente preziosa e
Sbagliata.

OrdinataMente.



Sono:
Pianti di Forza
Quelli che ho depositato.

Lacrime Bagnate
di Consapevolezze.

Mai
Lacrime di Dolore.

Pianti Opportuni:
Non c’è “fuori luogo” nell’ umido che bevo
Quando
L’Anima soffre e il Cuore si stringe perché non può : Resistere.

Povero,Cuore Mio,che si contrae pacato e discreto
Nelle Consapevolezze.
A volte, la Volontà Mia, non basta.

E,vorrei darti la Certezza del momento senza più comandi.
Ma diglielo alla Mente che l’Amore non passa.

Mi riprendo il Sole e lo porto via con Me,
Nella fretta della Pioggia sotto un portico che non fa’ parlare.

Un giorno ScaccoMatto a questa Mente che ora non:
Cadere di nuovo.

Ordinatamente,

Consapevolezze di cuore e distanze di persone.

 

 

 

 

Povere Connessioni Di Rete.



E questa ;

E’ l’ultima volta
Che finisce così :

Con me in silenzio e tu che “favoleggi”
Capoversi di networking.

Perdi tu.

Un mese.



Bloccare tutte le attese: Bloccarle. Piangersi addosso: Bloccarsi. Respiri compulsivi: Bloccarli. Buttare tutto il tabacco: Buttarlo. Bruciare tutti gli eccessi: Bruciarli. Lavarsene  le mani: Lavarsi. “Acostumbrarsi” con tutti i ricordi: Acostumbrarse. Serrarre tutte le porte: Serrarle. Oleare tutte le giunture: Olearsi. Depredare tutte le altre: Depredarle. Imporsi, in t*, per un n**, Con discrezione.   Ti amo?

Draft’s soul.



E’ un Documento Vuoto
Quello che riempio
Di tutte le parole
Che non ho più il coraggio di dirti.

Non ti cerco.

Ogni volta,
Perdere la spontaneità dei sorrisi e nei pensieri.

Imporsi,costantemente,di non pensarti.

Un Documento Vuoto
Senza fonti di Ricerca.

Ti chiedo scusa.

Non ho il coraggio per amare,di nuovo.

Non voglio che mi aspetti Voglio che mi travolgi.
Fammi paura.

Di Fatto : La Noia.



Sopra il Silenzio
Si appoggia e vive la Flatulenza.

Silenziosa e continua
Come il fondo stesso del Mare.

Vorrei smettere di;
Aspettare

Con la voglia stessa di;
Restare.

Che Noia.

Agnus Dei.



Come una bambina
Che chiede di vivere
La sua infanzia;
Mai assaporata.

Il male sotto una scrivania
E, intorno, i piatti rotti.
Troppo in fretta,
Crescere e Sopravvivere.

Momenti di pace.
Un corpo fermo
A quegli anni
Che chiedono: Vendetta.

Non avere età visiva,
E l’anima marcita.

Insegnatemi la Debolezza.

Untruthful Interludio.



Variegato, incongruo momento in cui sorrido davanti alle tue mediocri bugie umide di paure.
Sei come “ lo demás” : avvolto di parole, romanzate, mai assaporate.
Breve Interludio di sorrisi riflessivi davanti alle scuse,tue.
Ti meriti,tutto.

Non spostarti;
Resta ombra.

Non so, mai, come reagire davanti: alle bugie.

Enfermedad Hereditaria.



Persone che parlano a Persone che parlano a Schermi vivendo di Timori dietro Specchi.
Persone che parlano di Dolori che parlano di Piaceri che parlano di Metà che parlano di Incomprensioni.
Persone che camminano,passo veloce,per dove.Chiudersi dietro Muri di Fortezze di Cristallo.
Persone che soffocano Pensieri Narcotizzati di Anfetamine.
Persone  passando senza Restare. Persone che cambiano Persone standardizzate come Sottoprodotti.
Persone che parlano a Persone che parlano di Problemi che piangono Facciate di Moti di Vivere.
Persone che mi parlano.
Persone su Persone che riversano Comunelle di Palafitte su Ruscelli Sporchi di Persone che non sanno ascoltare; ascoltarsi.
Persone che Vivono di Persone dove la Solitudine piange silente: Speakless.

Sapere Aude.
Oscar Mondadori.
Premi di Dolori.

Relative Density



C’è una sorta di Meraviglia nella Tristezza.
Vorrei avere la precisione degli uccelli
Di planare
Sfiorarti, senza mai toccarti,
Fino a quando le correnti d’Aria
Non mi dicano : posati.

Cavità sensoriale.

Vorrei avere la discreta forza e costanza del Ruscello
Di attraversarti, ripetutamente, senza farti male.

Sentiero umido.

Vorrei avere l’impetuosa intransigenza del Vento
Di avvolgerti, su ogni lato,
Senza spaventarti.

Attiva passività.

Vorrei
Sussurrarti
Con gli occhi
Quando
I miei
Silenzi diventano così RIMBOMBANTI.

Tranquillità  ad alto volume.

Piove, sulle mie pagine, di cenere.
Un anno fa’;
Piangendo, stringendosi, spaventandosi.
C’è una sorta di Malinconica Dimenticanza nell’Amore.

Non dimenticarlo.