M.93

 



Vaghi nello sguardo
di un’incurante folla,
misura nel tempo,
emblema del tentare.

Poeta,
che di notte arranchi
in lividi assopiti,
grazie.



E danzo anch’io,
ingobbita,
sulle spalle della paura che,
compagna,
mi riporta a casa.