R.35

 



Il suo vestito rosso

è un istinto di fiamme vive

primordiale divampa

dalle braci negli occhi

agli estuari del sangue,

braccia nude, mani lascive

profondità primarie:

qualcosa in più di un’allusione

qualcosa in meno di un ricamo.

Un’ultima richiesta



Che tu non partissi che banalmente

rimanessi

che tarpassi le ali ai tuoi sogni

per il mio misero egoismo

fuori luogo nel tempo.



Che sai, io ci provo anche

sì, e me lo dico apertamente

a chiamarti puttana, groupie

ad usare Aristofane! Λυσιστράτη!

ma che tanto non sai

nemmeno chi è!

per apostrofarti come

colei che scioglie gli eserciti

colei che affonda le flotte

colei che distrugge gli uomini

E poi? le anafore trite, ritrite, sgualcite!

spero lui sappia quanto grande ti sembra la città

spero lui sappia che hai un cuore d’autunno

spero lui sappia spostare quel capello che io non oso

Gli scorni delle allitterazioni

corrive, corrette, corrotte

come le mattonelle di questa stanza

la carta di questa pagina

l’amore - scusascusa

l’ossessione che provo per te -

sì, ché amore è tra te e lui

proprio qui: tu                                                      amore                                          lui

Invece io rimango nel limbo,

tra endecasillabi scritti male

e il più dolce ricordo che serbo di te.

Penombre



T’ascolto mentre dormi

e t’accarezzo l’elice d’un giro

Ti volgi nel letto e nell’ombra

dimentica di ogni gesto d’amore

Al morire della notte

il sole donerà al tuo viso

un pavido elenco d’efelidi



Mi ripetevi spesso

che tra miele e fiele

v’è differenza d’una lettera

di cui l’amore,

sbadato ragioniere,

non tiene conto.