R.40

 



I

 

Ardo, fiamma, in questo inferno

che io mi porto dentro

e tace: per cui nulla

traspare.

È un ade muto che mi

consuma.