S.100

 

Tommaso



Tenera e tremante insicurezza
Si libera d’ogni velo
E si riscopre nuova,
Come invincibile,
Tra i labirinti dei tuoi sguardi,
Tra il calore della tua pelle.

 

Ogni anfratto del mio essere
Che non riesco a tollerare
Trova pace
Quando le tue mani
Si intrecciano con le mie
Così forti, così sicure.

 

Tutti i miei sorrisi sbagliati
E le mie frasi insensate
Trovano rifugio tra le tue braccia,
Mentre restiamo sdraiati a letto
O seduti in un bar sperduto
Tra mille bicchieri ormai vuoti.

 

Quando sfioro dolcemente
Ogni particolare del tuo viso
E mi addormento
Avvolta nel tuo respiro
So di aver intrapreso
L’unico vero sentiero per casa.

 

E allora ti chiedo
E ti chiederò sempre
Di ritrovarci ogni istante
In un mondo solo nostro,
Dove anche il dolore annega
Tra i nostri corpi che si sfiorano.

 

E allora ti chiedo
E ti chiederò sempre
Di stringere la mia mano,
Cantare con me un amore stonato
E nell’impeto del rombo del mare
vicini affrontare ogni domani.

ISTANTE



Ormai lontani,
Il mio oceano furioso
Si rasserena solo
alla tua presenza,
Luce calda
che lo sfiora.

COGNAC



Sono solo questo:
Un povero lupo di mare,
Che anela disperatamente
Alla libertà;
Un marinaio perso,
Dannato, invecchiato,
Che vuole placare
Il tumulto dell’anima,
Soffocarlo,
Annegarlo,
Dimenticarlo
Tra queste acque gelide.
Stolto!
Fingo di non comprende
Che il viaggio sia tormento
E la fuga un’altra morte.
Corro,
Corro,
Dinanzi al vento,
Ghigno e ululo alla Luna,
Vittima incatenata,
Che sospira nostalgica
E brinda assieme a me
Con un goccio di cognac.

Oh libertà,
Diabolica libertà,
Berrai mai al mio fianco?

TROVARTI



Mute le note
Del canto
Del vento:
Silenzio.
Sospesa
Mi fermo,
Frammento di sogno
Disperso nel
Buio.
Tenera luce tremante
Mi avvolge,
La notte si perde.
Ora ti riconosco.

DANZA



Voglio assaggiare la libertà
Che cola dalle tua labbra
E sentire sulla mia pelle
Ogni sogno annidato
Nel tuo sguardo,
Dormire stesa accanto
Al tuo tormento
E sentire cosa provi
Quando il mare ti avvolge,
Quando ti senti annaspare.
Sarò danza che sfiora,
Con teneri petali
Di rose infuocate,
Crudele e atroce,
Ogni tua notte.