S.142

 

Assolo



Ostento calma apparente

(ho scritto sul quaderno sbagliato)

musica indesiderata suona in testa

spezza silenzio

ostetrica di versi salienti

s’insinua bastarda

ipnotizza sentimenti

scelsi sentieri tortuosi

mi costrinsi a seguirli

supposi e tu dissuasi

sorsi liquorosi

soffio su sigarette

spengo ciò che spegne

se sognassi di cascare

velocità scalare

solo versi, perversare



En marchant dans la rue bondée

je me sens

comme un gabarit illusoire